Scuola di teatro classico “Giusto Monaco”

Il cammino verso l’esordio al Teatro Greco

Scarica il Bando

SCUOLA

La scuola di teatro classico “Giusto Monaco” pone lo studio e la pratica del teatro classico come fondamento alla formazione dell’attore, dando la possibilità agli allievi di esordire al Teatro Greco di Siracusa nel corso delle rappresentazioni classiche. Ogni anno ragazzi provenienti da tutta Italia sostengono le selezioni per accedere ai corsi triennali iniziando così un percorso di crescita umana e professionale. Un cammino che vede gli allievi frequentare lezioni di recitazione, dizione, storia del teatro, danza, teatro-danza e scherma scenica.
I ragazzi hanno poi la possibilità di partecipare a stage e laboratori con registi e attori di livello nazionale e internazionale.
Il percorso di studi si conclude con la partecipazione dei giovani attori al ciclo di spettacoli classici e con l’esordio al Teatro Greco di Siracusa, davanti a migliaia di spettatori. Un primo passo di grande spessore all’inizio della propria carriera da attori professionisti.

DOCENTI
GIUSTO
MONACO

STEFANO BARRERA  –  SCHERMA

ANNALISA BIANCO  –  RECITAZIONE

SALVATORE BITONTI  –  STORIA DEL TEATRO

CARLO BOSO –  COMMEDIA DELL’ARTE

EMILIANO BRONZINO –  RECITAZIONE

GIOVANNA BOZZOLO – RECITAZIONE

ANTONIO CALBI – ORGANIZZAZIONE TEATRALE/ELEMENTI DI TEATRO CONTEMPORANEO

SERENA CARTIA – DANZA

SIMONETTA CARTIA –  CANTO CORALE

MASSIMO CIMAGLIA –  SCHERMA SCENICA

SANDRA DE FALCO –  RECITAZIONE

FRANCESCA DELLA MONICA –  EDUCAZIONE E TECNICA DELLA VOCE

MASSIMO DI MICHELE –  RECITAZIONE

ALESSANDRA FAZZINO –  DANZA

FLAVIA GIOVANNELLI –  RECITAZIONE IN VERSI

ATTILIO IERNA –  TECNICA DELLA LETTURA

DARIO LA FERLA – TEATRODANZA

CINZIA MACCAGNANO – RECITAZIONE

GIUSEPPINA NORCIA –  DRAMMATURGIA ANTICA

 ELENA POLIC GRECO –  CANTO E DIZIONE

FRANCESCO RANDAZZO –  RECITAZIONE

GIULIANO SCARPINATO –  RECITAZIONE

AURETTA STERRANTINO –  STORIA DEL TEATRO CLASSICO

ANTONIO ZANOLETTI – RECITAZIONE

 

1° ANNO

Il programma del primo anno di Accademia prevede una prima fase di conoscenza, sviluppo delle capacità di comunicazione, scambio e relazione tra i singoli e il gruppo. Il lavoro si concentra sulla valorizzazione dello studio su se stessi e sul miglioramento e il perfezionamento della capacità di lavorare con gli altri; sullo sviluppo di un corretto rapporto tra l’emozione e la voce, il corpo, l’interpretazione; sull’osservazione sensoriale, il ritmo, la coralità, la duttilità, l’empatia. Nel corso del primo anno si pone anche l’attenzione sulla lettura a prima vista, il dialogo, l’analisi del testo, la dizione, il giusto utilizzo della voce, il canto, l’educazione musicale: si tratta di un lavoro fondamentale per sviluppare le discipline tecniche e porre le basi sulle quali lavorare durante il secondo e terzo anno di Accademia. 

2° ANNO

Il secondo anno di Accademia, oltre alla prosecuzione dello sviluppo e del miglioramento di tutte le abilità tecniche, prevede un lavoro specifico sul racconto e il romanzo. L’obiettivo è affinare e migliorare la capacità di esecuzione e interpretazione degli allievi, amplificare l’attitudine alla precisione, all’attenzione per i dettagli, alla capacità di diversificare e adattare la propria interpretazione, i movimenti, la voce ai personaggi. Il lavoro sul romanzo e il racconto punta ad abituare gli allievi a porsi delle domande e a essere in grado di cogliere tutte le sfumature del testo. La seconda parte dell’anno accademico è dedicata invece ai laboratori propedeutici alla tragedia e alla commedia antica; l’attività si conclude con delle lezioni aperte al pubblico.

3° ANNO

II programma del terzo anno di Accademia è incentrato in particolare su una serie di incontri e laboratori con registi e attori. E’ un lavoro che consente agli allievi di confrontarsi e apprendere direttamente da professionisti riconosciuti a livello nazionale e internazionale, molti dei quali sono stati protagonisti al Teatro Greco di Siracusa. Anche nel corso del terzo anno sono previste lezioni aperte al pubblico e le attività di perfezionamento di tutte le abilità tecniche ed espressive. Il triennio accademico si chiude con la presentazione del saggio finale e soprattutto con il debutto al Teatro Greco di Siracusa, nelle produzioni inserite nel cartellone delle rappresentazioni classiche.