Lo scenografo e costumista Carlo Sala a due settimane dal debutto si racconta

da | mag 18, 2017 | La stagione, News

Questo doppio impegno nelle tragedie è stato come fare un viaggio e nello stesso tempo raccontarlo come fosse già avvenuto da tempo. Un doppio viaggio su binari paralleli e divergenti. La tragedia è la stessa, quella dei due fratelli che si uccidono lasciando una profonda domanda sulla ricerca di una verità altra dal proprio vissuto, una verità più giusta di quella filtrata dal dolore tragico immanente.

Due allestimenti distanti nella scrittura e nelle esigenze sceniche.

Innanzitutto ho voluto creare un rapporto dichiaratamente invasivo nello spazio di quello che è “ora” il teatro greco, un piano scenico appoggiato sui resti, che si intravedono, alla ricerca ,nè mimetica nè imitativa ,di convivenza con questo spazio .

Questo gesto mi ha permesso la libertà di immaginare il mondo, antropologicamente più antico per “I sette contro Tebe” dominato da una divinità arborea sempre in pericolo di estinzione e perennemente in germoglio.

Si supera cosi anche il bisogno di una grecità narrativa, guardando più a riti tribali africani.

Dove il passaggio tra adolescenza ed età adulta comporta anche l’assunzione di responsabilità governative, un popolo giovane perennemente in tumulto, dove l’energia fisica è componente essenziale di sopravvivenza e la necessità di guerreggiare è connaturata al destino della città stessa. La tragedia è davanti a noi esplicitata, convissuta.

Le Fenicie, al contrario , sono spettatrici obbligate ,accidentalmente di passaggio , ad assistere alla tragedia di una famiglia distrutta che nel racconto ha perso la necessità del vissuto eroico.

Lo spazio è astratto, ad evocare un racconto fatto mille e mille volte senza una giusta soluzione, ancora più invadente il teatro greco ,un forte colore , un solo colore dove più niente ci lega alla natura divina

Stagione 2017

Scopri il calendario della nuova stagione teatrale 2017

Scopri di più

Rinviata conferenza stampa di presentazione manifesto 54° Ciclo di Spettacoli Classici

LUNEDI’ 19 FEBBRAIO 2018 ORE 11,30

Scopri

Un’opera di Lela Pupillo per il Manifesto del 54° Festival al Teatro Greco

Venerdì, 16 Febbraio 2018, ore 11,30 Palazzo Greco

Scopri

A Palazzo Greco un incontro con la regista Emma Dante

Venerdì, 2 Febbraio, ore 16,30

Scopri

Sinfonie ed Armonie. Dalla messa in scena classica ad oggi

Palazzo Greco, dal 25 al 27 Gennaio 2018

Scopri

Aretusa e Siracusa nel monetiere siracusano

Palazzo Greco, 6 Dicembre 2017 ore 11,00

Scopri
53stafione17

SETTE CONTRO TEBE

Eschilo | Aeschylus
Traduzione: Giorgio Ieranò
Regia: Marco Baliani
Acquista

FENICIE

Euripide | Euripides
Traduzione: Enrico Medda
Regia: Valerio Binasco
Acquista

RANE

Aristofane | Aristophanes
Traduzione: Olimpia Impero
Regia: Giorgio B. Corsetti
Acquista