logo stagione

Medea

da | Mag 9, 2009

Medea la straniera. Medea la donna tradita. Medea la moglie che si vendica uccidendo i suoi stessi figli, perchè il marito Giasone non abbia alcuna discendenza. La grande eroina di Euripide si è incarnata ancora una volta sul grande palcoscenico di pietra del Teatro Greco di Siracusa interpretata con grande ricchezza di toni e straordinario vigore da Elisabetta Pozzi, e ha inaugurato la 45/a stagione di spettacoli organizzati dall’Inda (Istituto nazionale del dramma antico), che durerà fino al 21 giugno, alternando sera dopo sera Medea ed Edipo a Colono con Giorgio Albertazzi. Regista della nuova edizione del capolavoro di Euripide è il polacco Krzysztof Zanussi, più noto come regista cinematografico, nonché famoso per il film su Papa Wojtyla. La sua regia è stata molto apprezzata dal grande pubblico di Siracusa per la chiarezza e la ricchezza degli spunti interpretativi. La regia, insieme alla interpretazione della Pozzi ha tenuto presente le molte sfaccettature del testo, che per la prima volta nel teatro greco utilizza come motore dell’azione la passione di una donna, una passione violenta e feroce che rende Medea una donna debole e forte allo stesso tempo: forte perchè padrona della sua vita, debole perché questo la rende sola in un misto di ira e di pietà. Altro elemento di spicco, apprezzato dal pubblico di Siracusa, è la scenografia, la prima realizzata da una star internazionale dell’architettura come Massimiliano Fuksas, che ha firmato qui insieme alla moglie Doriana un impianto scenico che verrà utilizzato per le due tragedie in cartellone. Si tratta di una monumentale lama di specchio, alta 15 o 20 metri, quasi un orizzonte opaco e riflettente, dove idealmente si specchia la coscienza degli spettatori. Belli anche i costumi firmati da Beatrice Bordone, che ha soprattutto nel coro ricostruito con grande fantasia gli abiti dell’antica Grecia. Ma su tutto spicca la prova degli attori, di tutti gli attori e soprattutto di Maurizio Donadoni nella parte del marito Giasone. Infine Elisabetta Pozzi, una delle migliori della sua generazione, aggiunge un nuovo successo alla sua bella carriera, in una parte che è da sempre come un esame di laurea per ogni grande attrice.

Aiace di Sofocle, il 25, 27 e 28 giugno il saggio degli allievi del primo anno dell’Accademia d’arte del dramma antico

Aiace di Sofocle è il saggio degli allievi del primo anno dell'Accademia d'arte del dramma antico. Il lavoro, diretto da Massimo Di Michele, sarà presentato sabato 25, lunedì 27 e martedì 28, alle 21, nel cortile dell'ex convento di San Francesco, nel centro storico...

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...

La Sicilia degli dei, si presenta il libro di Guidorizzi e Romani

Sulla Sicilia, sin da tempi antichissimi, si sono riversate ondate di civiltà. Ma i Greci vi hanno lasciato un carattere indelebile, che fa parte della natura profonda di questa terra. Gli dèi non se ne sono mai andati dall’isola. Nelle campagne assolate nel cuore...

Intrecci e lacerazioni tra il volere degli dèi e dei mortali, il 18 giugno conferenza del Centro Studi di Terapia della Gestalt

Il Centro Studi di Terapia della Gestalt con il patrocinio di: Centro “Antropologia e Mondo Antico” del Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche dell’Università di Siena e Federazione italiana delle associazioni di psicoterapia (FIAP)* promuove...

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...
X