logo stagione

Una poetica dell’estremismo tragico: La “Medea” di Lars von Trier

da | Mag 9, 2009

Medea - Lars von Trier

Medea - Lars von Trier

In questo intervento mi occuperò di una Medea cinematografica che va in controtendenza rispetto alla linea dominante delle riletture novecentesche, focalizzate sugli aspetti etnici, politici, antropologici del mito: su quel conflitto fra culture su cui Pasolini ha costruito l’intero suo film. La Medea di Lars von Trier mira invece a un’assolutizzazione metafisica, mettendo in secondo piano la barbarie di Medea, come anche il suo conflitto interiore. Ma vediamo prima la sua genesi complessa.

Tutti sanno che Carl Theodor Dreyer è stato uno dei maestri ispiratori del cinema pasoliniano; pochi sanno però che anche il grande regista danese si era rivolto al mito di Medea, giungendo nel 1965 a scrivere una sceneggiatura (in collaborazione con Preben Thomsen) e a contattare Maria Callas (si spiega così che una copia dattiloscritta della sceneggiatura dreyeriana si trovi fra le carte di Pasolini). Il progetto fallì a causa dello scarso interesse mostrato dai produttori: la sceneggiatura rappresenta quindi l’ultima opera di Dreyer, che morì tre anni dopo. Come accennavo prima, la sceneggiatura non è mai stata girata per motivi di produzione; ha avuto però una realizzazione molto peculiare e molto affascinante (a mio parere la più bella Medea sullo schermo, una delle più belle del Novecento…) da parte di un altro geniale regista danese, Lars von Trier. (…)

Anche quando è più chiaro l’influsso del Maestro danese, come nella scena dei dignitari corinzi, in cui i primissimi piani dei volti richiamano alla mente i giudici di Giovanna d’Arco, si nota sempre una differenza sostanziale: come nota Margherita Rubino, von Trier non cerca idealità politiche, resta invece fedele alla sua poetica di «interpretare il mondo come un inferno». Dreyeriana è comunque le recitazione scarna, spesso sussurrata, e la preferenza per i primi piani di volti espressivi, inquadrati obliquamente dal basso: quasi a citare le tecniche del muto.

Dreyer avrebbe voluto fare le riprese in Grecia; il film ha invece un’ambientazione nordica e spettrale, in una serie di pianure desertiche, paludi e acquitrini, ripresi in frequenti campi totali e in panoramiche dall’alto. Si ritrova quella fascinazione per un paesaggio indistinto e infinito, quel gusto per spazi come isole e deserti che caratterizza tanto cinema di ricerca….

L’Unicef incontra l’Inda

L'Unicef incontra l'Inda. E' l'iniziativa in programma giovedì 22 luglio, alle 19, al Grand Hotel Alfeo in via Nino Bixio. All'incontro interverranno Antonio Calbi, sovrintendente della Fondazione Inda, e gli attori Laura Marinoni (interprete quest'anno di...

Conversazioni all’Orecchio di Dionigi

Conversazioni all’Orecchio di Dionigi ore 18 presso il Parco della Neapolis, Orecchio di Dionisio a cura di Margherita Rubino che modera gli incontri. 27 luglio Massimo Fusillo, Orestea sulla scena 29 luglio Nicola Gardini, Euripide: la ‘parola vera’ 2 agosto Pietro...

Orestea Atto secondo

A Siracusa presso il Palazzo Greco dal 1 luglio 2021 al 30 settembre 2022 Mostra multimediale della Fondazione Istituto Nazionale del dramma anti-co, a cura di Marina Valensise e con la supervisione di Davide Livermore SCOPRI DI PIU'

Il sovrintendente Calbi nominato ambasciatore di “Siracusa città educativa”

Il sovrintendente della Fondazione Inda, Antonio Calbi, è stato insignito, oggi, del titolo di ambasciatore di "Siracusa Città Educativa". Il riconoscimento è assegnato a persone che attraverso il loro vissuto e le loro competenze contribuiscono a far di Siracusa una...

A Peter Stein il Premio Custodi della Bellezza

Sarà un assoluto protagonista del Teatro mondiale ad aprire la stagione culturale della Città di Siracusa per il 2021. A Stein sarà infatti consegnato il VI Premio Nazionale Custodi della Bellezza. I‪l premio, ideato nel 2016, è intitolato a Khaled Al Asaad,...

Conversazioni all’Orecchio di Dionigi

Conversazioni all’Orecchio di Dionigi ore 18 presso il Parco della Neapolis, Orecchio di Dionisio a cura di Margherita Rubino che modera gli incontri. 27 luglio Massimo Fusillo, Orestea sulla scena 29 luglio Nicola Gardini, Euripide: la ‘parola vera’ 2 agosto Pietro...

Orestea Atto secondo

A Siracusa presso il Palazzo Greco dal 1 luglio 2021 al 30 settembre 2022 Mostra multimediale della Fondazione Istituto Nazionale del dramma anti-co, a cura di Marina Valensise e con la supervisione di Davide Livermore SCOPRI DI PIU'

Accademia Albertina di Belle Arti di Torino: riconoscimento a Paolo Giansiracusa

Il consigliere di amministrazione della Fondazione Inda, Paolo Giansiracusa, insieme all'attore Sebastiano Lo Monaco, più volte protagonista al Teatro Greco di Siracusa, e all'artista Hermann Nitsch, riceveranno domenica 24 gennaio, il titolo di Accademico d'Onore...

Procuratore Salvi, intervento su “Mito, tragedia e diritto”

Pubblichiamo l’intervento integrale di Giovanni Salvi, Procuratore generale della Corte di Cassazione. Il Procuratore Salvi, il 7 agosto, ha tenuto un intervento su “Mito, tragedia e diritto” nell’ambito delle lezioni all’Orecchio di Dionisio curate da Margherita...

Antichi pensieri, Margherita Rubino: “Il ruolo del titolo nel teatro antico”

La filologa, docente universitaria ed esperta di teatro classico Margherita Rubino dialoga con gli allievi dell'Accademia d'arte del dramma antico. L'incontro, su "Il ruolo del titolo nel teatro antico", si inserisce nel programma della rassegna Antichi pensieri....
X