logo stagione

Ferruccio Soleri A Siracusa l’Arlecchino più famoso al mondo

da | Nov 18, 2019

Giovedì 21 novembre, alle 18,30, nel Salone Amorelli di Palazzo Greco, in corso Matteotti, Ferruccio Soleri incontrerà il pubblico. L’attore fiorentino entrato nel Guinness dei primati come colui che più di tutti ha interpretato la celebre maschera goldoniana, ripercorrerà oltre sessant’anni di carriera. Il giorno dopo, venerdì 22 novembre, insieme a Carlo Boso, altro grande interprete e maestro della commedia dell’arte, Soleri terrà un workshop riservato agli allievi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico, sezione Giusto Monaco. L’attore fiorentino, Leone d’oro alla carriera 2006, ha interpretato per la prima volta il personaggio di Arlecchino nel 1960 a New York. Da quel momento con mente, cuore e muscoli ha portato la maschera di Goldoni in tutto il mondo esibendosi anche davanti alla regina Elisabetta e ricevendo i complimenti di attori come Laurence Olivier. Soleri, nell’interpretazione costruita insieme a Giorgio Strehler a partire dal 1947, è salito sul palcoscenico in più di 50 nazioni fino a 88 anni, quando ha deciso di affidare il personaggio simbolo della commedia dell’arte all’attore Enrico Bonavera e di dedicarsi solo alla cura artistica della messa in scena.
L’appuntamento di giovedì 21 novembre sarà per questo una grande occasione, per tutta la città, di incontrare Ferruccio Soleri, ambasciatore Unicef e Grande Ufficiale della Presidenza della Repubblica Italiana, e ascoltare il racconto di una lunga storia d’amore tra l’attore, il teatro e la commedia dell’arte.
“L’Arlecchino di Soleri ha iniziato al teatro migliaia di spettatori in sei decenni di rappresentazioni in tutto il mondo – dichiara il Sovrintendente Antonio Calbi –. Se ho scelto di lavorare per il teatro lo devo anche a lui, quando, all’età di 14 anni, la professoressa di chimica e biologia del liceo artistico che frequentavo a Milano, ci portò per la prima volta in via Rovello, sede storica del Piccolo Teatro. L’emozione che provammo grazie alla magia di quell’allestimento e del suo protagonista folgorò molti di noi adolescenti”.
Soleri, dopo essersi diplomato all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma e aver frequentato la Scuola Internazionale di Teatro Jacque Lecoq, ha debuttato al Piccolo Teatro di Milano nel 1957 nella Favola del figlio cambiato di Pirandello con la regia di Orazio Costa. Insieme a Nino Castelnuovo, Gianni Magni e Giancarlo Cobelli fu tra i mimi che affiancavano Cino Tortorella nella trasmissione Zurlì, in onda sulla Rai. Nel 1959 venne scelto da Strehler per sostituire Marcello Moretti nel ruolo di Arlecchino nello spettacolo Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni che nell’allestimento di Strehler venne presentato come Arlecchino servitore di due padroni. Dal 1963 e fino al 2018 ha interpretato stabilmente la figura di Arlecchino nelle diverse edizioni che da quella originale sono state realizzate per tener vivo uno degli spettacoli più celebri di sempre.

Conferenza stampa Roma

2 luglio 2020

Oggi è la giornata mondiale del teatro!

In occasione della Giornata Mondiale del Teatro, condividiamo una riflessione di Andrea Porcheddu pubblicata su www.che-fare.com Oggi è la giornata mondiale del teatro. La festeggiamo – se così vogliamo dire – a teatri chiusi. Un teatro senza teatro. Barricati in...

Roma, annullato il seminario multidisciplinare “Le Verità nascoste”

Si comunica che in relazione all’evolversi della diffusione del Coronavirus e nel rispetto della circolare del Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca che sospende tutte le uscite didattiche, il seminario multidisciplnare "Le Verità nascoste" in...

La scena ritrovata: prorogata fino al 16 febbraio la mostra all’ex convento di San Francesco

La scena ritrovata – Da Cambellotti ai contemporanei sarà aperta al pubblico fino a domenica 16 febbraio. L’esposizione inaugurata all’ex convento di San Francesco lo scorso 21 dicembre ha riscosso un grande successo e per questa ragione la Fondazione Inda e il Comune...

La scena ritrovata: al Teatro Comunale di Siracusa la sezione I Contemporanei

Sarà inaugurata mercoledì 1 gennaio 2020, alle 18, al Teatro Comunale di Siracusa, l'esposizione I Contemporanei, una delle quattro sezioni della mostra La scena ritrovata. Al Teatro Comunale i visitatori potranno ammirare alcuni degli abiti di scena disegnati da...

Antichi pensieri, Margherita Rubino: “Il ruolo del titolo nel teatro antico”

La filologa, docente universitaria ed esperta di teatro classico Margherita Rubino dialoga con gli allievi dell'Accademia d'arte del dramma antico. L'incontro, su "Il ruolo del titolo nel teatro antico", si inserisce nel programma della rassegna Antichi pensieri....

Antichi pensieri, Luca Lazzareschi: Recitare la tragedia

L'attore Luca Lazzareschi, più volte protagonista al Teatro Greco di Siracusa, dialoga con gli allievi dell'Accademia d'arte del dramma antico per la rassegna Antichi pensieri. Tema dell'incontro è "Recitare la tragedia" Il video integrale =>...

Antichi pensieri, Antonio Calenda: “La regia al Teatro Greco di Siracusa”

Il regista Antonio Calenda, tra i maestri della regia teatrale italiana, dialoga con gli allievi dell'Accademia d'Arte del Dramma Antico.  Calenda, che ha già diretto 7 opere al Teatro Greco di Siracusa e sarà il regista delle Nuvole nel 2021, ha ripercorso le proprie...

Una rete nazionale degli archivi digitali teatrali e delle arti dello spettacolo: tavola rotonda a Roma

"Creazione di una rete nazionale degli archivi digitali teatrali e delle arti dello spettacolo". E' il titolo della tavola rotonda in programma venerdì 21 febbraio, all'Università degli Studi di Roma "Tor Vergata". L'importante momento di confronto è organizzato dalla...

L’Istituto Rizza alla mostra La scena ritrovata

Oggi una gradita sorpresa alla mostra La scena ritrovata - Da Cambellotti ai contemporanei. Tre classi dell'Istituto Superiore Alessandro Rizza di Siracusa. I ragazzi delle classi 3aw, 3bw, 4aw, indirizzo Grafica e comunicazione, hanno visitato l'esposizione allestita...