logo stagione

Elisabetta Pozzi, ritratto di una primadonna.

da | Mag 9, 2009

Elisabetta Pozzi

Elisabetta Pozzi

L’arte di Elisabetta Pozzi si fonda su una rara e perfetta simbiosi tra passionalità e intelligenza.

Balzò fuori da sola e perentoria, quell’arte, quando l’attrice aveva diciassette anni. Lei però seppe affinarla nel tempo, regalarle specificità e arricchirne la maschera vocale. Così il talento crebbe per la strada, grazie alla simpatia curiosa e all’avidità intellettuale che colorano l’indole dell’ attrice, giunta oggi ad una problematica, impegnata, seducente maturità. Medea di Euripide è punto di arrivo per ogni ‘primadonna’ che sia in grado di profondervi le esperienze di una vita , fuse al calor bianco però, perché è interpretazione tragica come nessun’altra, è palpito e insieme urlo di rivalsa femminile. Nel secondo novecento capitò a Sarah Ferrati e poi a pochissime alte. Capita a Elisabetta Pozzi nel pieno di una meravigliosa carriera. Va ripercorsa, questa carriera, perché fornisce via via i tasselli che colgono nel farsi e insieme compongono con evidenza, per così dire, scientifica, il ritratto di una grandissima attrice. Il primo provino Elisabetta lo vinse subito, giovanissima, era per il ruolo di Romilda Pescatore, nella trasposizione teatrale de “Il fu Mattia Pascal” di Pirandello per la regia di Luigi Squarzina (1975). Un inizio alla grande, presso il Teatro Stabile di Genova, la città dove era nata e dove frequentava il Liceo Classico D’Oria, che lasciò subito perché il mestiere teatrale, come lo intendeva lei, e come glielo andava insegnando Giorgio Albertazzi, era un assoluto, dettava il ritmo della vita. Seguirono anni girovaghi, poca televisione ma da protagonista (“Rosso veneziano”, “Che fare”) e moltissimo teatro, con due costanti: Giorgio Albertazzi, accanto a cui recitò nel “Racconto d’inverno”, “Peer Gynt”, “Antonio e Cleopatra”; e poi lo Stabile di Genova, per cui fu interprete in “Re Nicolò” di Wedekind (1981) ,“Pericle principe di Tiro” di Shakespeare (1982), “La putta onorata” di Goldoni (1987), tra le poche scelte comiche, questa ultima, di una interprete che privilegia il tragico, il tragico spinto oppure il grottesco.

Ifigenia in Tauride al Teatro Romano di Verona, incontro all’Università di Verona con Jacopo Gassmann

"Ifigenia in Tauride a Verona" è titolo dell'incontro in programma mercoledì 14 settembre, nei locali dell'Università di Verona. L'appuntamento è organizzato dal Cetro di Ricerca Skenè - Studi Interdisciplinari sul Teatro in occasione della messa in scena...

BACK TO COLONO. Fuggo, cerco e riparto! Saggio di fine Campus delle Arti 2022

14 luglio alle ore 19,00 ex Convento S. Francesco

Aiace di Sofocle, il 25, 27 e 28 giugno il saggio degli allievi del primo anno dell’Accademia d’arte del dramma antico

Aiace di Sofocle è il saggio degli allievi del primo anno dell'Accademia d'arte del dramma antico. Il lavoro, diretto da Massimo Di Michele, sarà presentato sabato 25, lunedì 27 e martedì 28, alle 21, nel cortile dell'ex convento di San Francesco, nel centro storico...

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...

La Sicilia degli dei, si presenta il libro di Guidorizzi e Romani

Sulla Sicilia, sin da tempi antichissimi, si sono riversate ondate di civiltà. Ma i Greci vi hanno lasciato un carattere indelebile, che fa parte della natura profonda di questa terra. Gli dèi non se ne sono mai andati dall’isola. Nelle campagne assolate nel cuore...

BACK TO COLONO. Fuggo, cerco e riparto! Saggio di fine Campus delle Arti 2022

14 luglio alle ore 19,00 ex Convento S. Francesco

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...
X