logo stagione

“A Siracusa sarò un Edipo incazzato”. Parola di Giorgio Albertazzi

da | Nov 26, 2008

Gigi Giacobbe intervista il poliedrico artista, a Messina per le Lezioni americane di Italo Calvino

Come le è nata l’idea di mettere in scena le Lezioni americane di Italo Calvino?
L’idea è nata a Parigi a Maurizio Scaparro una decina d’anni fa quando scelse Orlando Forioso (con la “o” non con la “u”) come regista e ha voluto che si rappresentasse poi nel Théâtre des Italiens da lui diretto. Poi lo spettacolo è stato ospite per quaranta giorni al Piccolo Eliseo di Roma, poi ancora a Taormina Arte e poi ancora in giro per l’Italia”.

Originariamente le Lezioni americane dovevano essere sei proposte per il prossimo millennio, poi Calvino muore prima di poterle illustrare agli studenti della prestigiosa Università di Harvard nel Massachusetts nell’anno accademico 1985-1986 e il volume pubblicato postumo, curato dalla moglie Esther, contiene solo cinque memos (Leggerezza, Rapidità, Esattezza, Visibilità, Molteplicità ) mancando della Consistenza, di cui era stato delineato solo il titolo. Perché di questi cinque promemoria ha scelto la Leggerezza?
Perché era quello più vicino alla mia sensibilità, alla mia cultura, ai miei interessi di uomo di teatro, incuriosito di scienza, di letteratura e di poesia, che cerca di vivere con molta leggerezza in questo mondo sempre più pesante.

Lei ha conosciuto di persona Italo Calvino?
Pensi, ironia della sorte, che abbiamo fatto insieme un anno d’Università nella facoltà di Agraria, forse perché il padre era agronomo la madre botanica… credo fosse il 1941…mi pare che lui non completò gli studi universitari, mentre io poi mi sono laureato in architettura.

Lei spesso dice d’essere un attore per caso e preferisce che di lei si dica essere un autore, uno scrittore, qualcuno che reinventa una propria scrittura scenica. Insomma chi è lei?
Un po’ tutte queste cose…forse ha ragione Cordelli (il critico del Corriere della Sera, n.d.r.) quando dice che io sono un performer, qualcuno che ha ottenuto importanti affermazioni e cerca di perpetuarle nel tempo.

Lavora moltissimo, infatti oltre a queste Lezioni di Calvino è in giro per l’Italia con altri spettacoli. Vuole ricordare quali?
Sì è vero lavoro e giro molto. Pensi che con questo sono sette gli spettacoli che mi vedono un po’ su tutti i palcoscenici della penisola. Con Michele Placido faccio Racconto italiano, un testo curato da me, finanziato dalla Banca Intesa, in cui vedo il nostro Paese come un grande balena arenata e ci vuole un delfino per tirarla fuori… il delfino siamo tutti noi, non Berlusconi. Poi faccio Dante legge Albertazzi con un quartetto d’archi, anche questo è un mio testo, rappresentato di recente pure ad Agrigento. Sono i miei racconti con Dante. Io stesso vesto il personaggio col copricapo da iconografica classica che corre lungo le orecchie. Lo vedo passare a Firenze rasente ai muri, scuro in volto, pallido, non col suo naso adunco ma solo un lungo naso che dice: ” Dov’è Albertazzi? Mi cambia tutti i versi. Se lo becco glielo dò io l’Inferno “. Poi il Moby Dick di Melville con la regia di Latella, poi ancora La forma dell’incompiuto, anche questo scritto da me, in cui immagino la bellezza come armonia dell’imperfezione e un teatro che non è né la pagina né l’azione scenica ma un demone mediatore. Ancora, Il mare d’altro con mia drammaturgia, una sorta di Odissea con un novello Ulisse e infine Il Diario di Adriano, tratto dalle “Memorie di Adriano” di Marguerite Yourcenar.

Si mormora sempre che il Teatro sia in crisi. Lei come la pensa?
La crisi è un segno di movimento e di rinnovamento, ma credo che un fantasma s’aggiri in Europa ed è l’antiteatro, qualcosa che va perdendo sempre più i petali del ben confezionato e definito. Vedremo come andrà a finire.

A maggio e giugno prossimi a Siracusa per gli spettacoli dell’INDA (Istituto Nazionale del Dramma Antico) Elisabetta Pozzi vestirà i panni di Medea di Euripide con la regia di Zanussi e lei sarà protagonista dell’Edipo a Colono di Sofocle. Perché non è stato aggiunto anche l’Edipo re in un unico spettacolo?
Per i costi e poi perché l’Edipo a Colono sarà preceduto da un monologo che ricapitolerà l’Edipo re.

Come sarà il suo personaggio?
Incazzato, astioso, non soltanto perché accecandosi Edipo non vede più niente, ma per la sua vecchiaia che diventa sempre più ingombrante.

A proposito di età le enciclopedie teatrali riportano che lei è nato a Fiesole nel 1925, ma un momento fa ha detto d’essere stato collega d’Università di Calvino che è nato nel 1923. Qualcuno asserisce che lei si nasconde due anni. Allora quanti ha, 83 o 85?
Ho l’età che ho. Quella d’un vecchio che diventa sempre più giovane.

Nuovo DPCM, il Convegno di studi sul teatro classico si terrà solo via streaming

In ottemperanza alle direttive del DPCM del 18 ottobre 2020, la Fondazione Inda comunica che sarà possibile seguire i lavori del Convegno internazionale di studi sul teatro classico in programma il 23 e 24 ottobre solo ed esclusivamente via streaming. Tutti coloro che...

Ruoli di potere nel teatro antico, il 23 e 24 ottobre a Siracusa il Convegno internazionale di studi

------  AGGIORNAMENTO ------- In ottemperanza alle direttive del DPCM del 18 ottobre 2020, la Fondazione Inda comunica che sarà possibile seguire i lavori del Convegno internazionale di studi sul teatro classico in programma il 23 e 24 ottobre solo ed esclusivamente...

A.D.D.A. Audizioni

18 ottobre 2020 Roma
26 ottobre 2020 Siracusa

Miglior cortometraggio sull’architettura alla Mostra cinematografica di Venezia.

Il documentario dedicato al progetto scenico ideato da Stefano Boeri Architetti per le Troiane di Euripide (in scena nel 2019 al Teatro Greco di Siracusa) è stato premiato come miglior cortometraggio sull'architettura alla Mostra internazionale d’arte cinematografica...

A Eva Cantarella l’Eschilo d’oro 2020

La Fondazione Inda ha assegnato l'Eschilo d'oro 2020 a Eva Cantarella. Giurista, accademica, scrittrice e una delle studiose contemporanee più versatili del mondo classico, Eva Cantarella riceverà il riconoscimento domenica 30 agosto al Teatro Greco di Siracusa....

Annullata la lezione all’Orecchio di Dionisio con il critico, scrittore e saggista Claudio Magris.

La Fondazione Inda comunica che è stata annullata la lezione all'Orecchio di Dionisio con il critico, scrittore e saggista Claudio Magris. L'incontro, intitolato "Filottete e l'eroe", era in programma lunedì 31 agosto e avrebbe chiuso la serie di lezioni curate da...

Procuratore Salvi, intervento su “Mito, tragedia e diritto”

Pubblichiamo l’intervento integrale di Giovanni Salvi, Procuratore generale della Corte di Cassazione. Il Procuratore Salvi, il 7 agosto, ha tenuto un intervento su “Mito, tragedia e diritto” nell’ambito delle lezioni all’Orecchio di Dionisio curate da Margherita...

Antichi pensieri, Margherita Rubino: “Il ruolo del titolo nel teatro antico”

La filologa, docente universitaria ed esperta di teatro classico Margherita Rubino dialoga con gli allievi dell'Accademia d'arte del dramma antico. L'incontro, su "Il ruolo del titolo nel teatro antico", si inserisce nel programma della rassegna Antichi pensieri....

Antichi pensieri, Luca Lazzareschi: Recitare la tragedia

L'attore Luca Lazzareschi, più volte protagonista al Teatro Greco di Siracusa, dialoga con gli allievi dell'Accademia d'arte del dramma antico per la rassegna Antichi pensieri. Tema dell'incontro è "Recitare la tragedia" Il video integrale =>...

Antichi pensieri, Antonio Calenda: “La regia al Teatro Greco di Siracusa”

Il regista Antonio Calenda, tra i maestri della regia teatrale italiana, dialoga con gli allievi dell'Accademia d'Arte del Dramma Antico.  Calenda, che ha già diretto 7 opere al Teatro Greco di Siracusa e sarà il regista delle Nuvole nel 2021, ha ripercorso le proprie...