logo stagione

Se la tragedia greca parla di immigrazione

da | Feb 6, 2009

Fuksas debutta a teatro. Dopo una carriera votata soprattutto alla grandi opere urbanistiche, costellata da premi internazionali ma anche da polemiche roventi, e dopo aver guadagno comunque nel bene e nel male lo status di superstar dell’architettura, il progettista diventa scenografo. Per la sua première assoluta, che in qualche modo compensa il rimpianto per un progetto rimasto in passato sulla carta, un teatro per Vittorio Gassman a Roma, ha scelto una cornice di rilevanza storica e artistica internazionale, il Teatro Greco di Siracusa. In vista della cinquantacinquesima edizione del Festival che ha riportato in vita, di fronte a platee di tremila-quattromila spettatori, e quest’anno, dal 9 maggio al 21 giugno, sarà dedicato al tema dell’ immigrazione, dell’impatto tra culture diverse, l’Istituto nazionale del Dramma Antico gli ha affidato l’ambientazione di “Edipo a Colono” e di “Medea”. Superstar ma consapevole di lavorare in un sito archeologico tanto prezioso, Massimiliano Fuksas ha promesso che non sarà invasivo. Ne ha parlato ieri a Genova,Fernando Balestra, direttore dell’Inda, nel corso di un incontro con gli insegnanti e gli studenti del liceo classico Doria. L’incontro al quale hanno preso parte anche la professoressa Margherita Rubino, appena nominata “dramaturg” all’Inda e Elisabetta Pozzi, fa parte di una tournée organizzata nelle più grandi centri del Nord Italia. In questa edizione 2009 l’impatto del diverso si svilupperà non soltanto attraverso il peregrinare di Edipo e nella Medea di Euripide ma anche con le “Supplici” di Eschilo. La storia delle figlie di Danao che fuggono dall’Egitto, sarà dedicata a 283 clandestini morti a Porto Palo e sarà rappresentato, per la prima volta nella storia del Festival, a Malta.

La rappresentazione, che coinvolgerà attrici di diverse provenienze e diverse etnie, sarà accompagnata da un convegno al quale prenderanno parte letterati e magistrati. E con questo sembra chiaro che l’isola non ha soltanto l’intenzione di valorizzare i suoi siti archeologici ma anche di proporsi come interlocutore, o come ribalta politica delle grandi questioni del Mediterraneo. Il teatro ispira la politica.

Aiace di Sofocle, il 25, 27 e 28 giugno il saggio degli allievi del primo anno dell’Accademia d’arte del dramma antico

Aiace di Sofocle è il saggio degli allievi del primo anno dell'Accademia d'arte del dramma antico. Il lavoro, diretto da Massimo Di Michele, sarà presentato sabato 25, lunedì 27 e martedì 28, alle 21, nel cortile dell'ex convento di San Francesco, nel centro storico...

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...

La Sicilia degli dei, si presenta il libro di Guidorizzi e Romani

Sulla Sicilia, sin da tempi antichissimi, si sono riversate ondate di civiltà. Ma i Greci vi hanno lasciato un carattere indelebile, che fa parte della natura profonda di questa terra. Gli dèi non se ne sono mai andati dall’isola. Nelle campagne assolate nel cuore...

Intrecci e lacerazioni tra il volere degli dèi e dei mortali, il 18 giugno conferenza del Centro Studi di Terapia della Gestalt

Il Centro Studi di Terapia della Gestalt con il patrocinio di: Centro “Antropologia e Mondo Antico” del Dipartimento di Filologia e Critica delle Letterature Antiche dell’Università di Siena e Federazione italiana delle associazioni di psicoterapia (FIAP)* promuove...

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...
X