logo stagione

Il 23 Giugno alle ore 19,45 debutta Fedra, Cerciello: “Opera profondamente moderna”

da | Giu 17, 2016

 

Oltre 115 mila presenze e un nuovo record al Teatro Greco di Siracusa. Le rappresentazione classiche si confermano un appuntamento imperdibile per migliaia di persone che anche quest’anno hanno deciso di godersi la magia degli spettacoli allestiti dalla Fondazione Inda.

Nel fine settimana sono previste le ultime repliche di Elettra di Sofocle con la regia di Gabriele Lavia, e Alcesti di Euripide, diretta da Cesare Lievi, mentre il 23 giugno è in programma il debutto di Fedra di Seneca, affidata a Carlo Cerciello e a sette spettacoli dalla fine della stagione al Teatro Greco è già stato superato il record di presenze stabilito lo scorso anno. Ad annunciare il superamento di quota 115 mila spettatori, tra biglietti venduti e prenotati, è stato il commissario straordinario della Fondazione Inda Pier Francesco Pinelli.

“Questi numeri sono una grande soddisfazione per la Fondazione – ha dichiarato Pinelli -. La stagione è partita con qualche difficoltà ma nonostante questo la risposta del pubblico è stata incredibile con 115 mila 498 persone che hanno scelto di assistere alle rappresentazioni classiche. E’ una dato che dimostra la potenza del Festival di Siracusa e la solidità di quello che si è costruito nel corso degli anni”.

La stagione 2016 della Fondazione Inda si appresta adesso a vivere un altro momento di grande importanza con il debutto di Fedra di Seneca, l’opera che punta sulla traduzione di Maurizio Bettini, la scena di Roberto Crea, i costumi di Alessandro Ciammarughi, le musiche di Paolo Coletta e i movimenti coreografici di Dario La Ferla. A completare lo staff di Cerciello, il regista collaboratore Raffaele Di Florio, l’assistente alla regia Walter Cerrotta e l’assistente scenografo Michele Gigi. Fedra dopo le quattro date a Siracusa andrà in tournée e sarà messa in scena il 31 luglio a Segesta, il 3 e 4 settembre a Taormina, nell’ambito della manifestazione “Anfiteatro in Sicilia” voluta dall’assessorato regionale al Turismo guidato dall’assessore Anthony Barbagallo, e sempre a settembre a Ostia antica.

“Questo spettacolo è un piccolo gioiello – ha detto il commissario straordinario dell’Inda -. E’ stato pensato perché viaggiasse e venisse rappresentato nei teatri di pietra in Sicilia e nel resto d’Italia. Ringrazio l’assessore Barbagallo per le date che effettueremo nell’ambito di “Anfiteatro in Sicilia” e a tutti dico di venire a vedere Fedra perché è uno spettacolo imperdibile”.

Protagonisti sul palco saranno Imma Villa (Fedra), Fausto Russo Alesi che interpreterà sia Teseo sia Ippolito, Bruna Rossi (nutrice), Sergio Mancinelli (messaggero), Elena Polic Greco e Simonetta Cartia (prime corifee), Federica Cavallaro, Maddalena Serratore, Nadia Spicuglia e Claudia Zappia (corifee). A completare il cast gli allievi del terzo anno dell’Accademia d’arte del dramma antico.

“E’ un lavoro di grande forza collettiva – ha dichiarato il regista Carlo Cerciello – che mette insieme grandi intelligenze teatrali ed artistiche. Insieme stiamo allestendo una tragedia profondamente moderna lavorando con grande generosità e professionalità. L’opera di Seneca è la tragedia dei grandi intrecci psicologici e delle contraddizioni, troverete in scena una selva che non è solo un luogo fisico ma anche uno spazio mentale, dei grandi conflitti interiori. La nostra sfida e ritengo anche la sfida del teatro contemporaneo è l’ascolto e questo aspetto fa certamente paura ma noi, da artigiani, stiamo lavorando con grandissima dedizione e tanta umanità”.

Il regista, come già fatto da Lavia e Lievi, ha poi lodato i ragazzi della Scuola di teatro Giusto Monaco. “Non ho parole per descrivere il talento e la professionalità di questi giovani – ha aggiunto Cerciello – che stanno dando anche un grande esempio di abnegazione considerando che molti di loro sono già impegnati in Elettra e Alcesti e che prima e dopo gli spettacoli provano con noi per allestire Fedra”

.Locandina FEDRA

 

 

 

 

Ifigenia in Tauride al Teatro Romano di Verona, incontro all’Università di Verona con Jacopo Gassmann

"Ifigenia in Tauride a Verona" è titolo dell'incontro in programma mercoledì 14 settembre, nei locali dell'Università di Verona. L'appuntamento è organizzato dal Cetro di Ricerca Skenè - Studi Interdisciplinari sul Teatro in occasione della messa in scena...

BACK TO COLONO. Fuggo, cerco e riparto! Saggio di fine Campus delle Arti 2022

14 luglio alle ore 19,00 ex Convento S. Francesco

Aiace di Sofocle, il 25, 27 e 28 giugno il saggio degli allievi del primo anno dell’Accademia d’arte del dramma antico

Aiace di Sofocle è il saggio degli allievi del primo anno dell'Accademia d'arte del dramma antico. Il lavoro, diretto da Massimo Di Michele, sarà presentato sabato 25, lunedì 27 e martedì 28, alle 21, nel cortile dell'ex convento di San Francesco, nel centro storico...

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...

La Sicilia degli dei, si presenta il libro di Guidorizzi e Romani

Sulla Sicilia, sin da tempi antichissimi, si sono riversate ondate di civiltà. Ma i Greci vi hanno lasciato un carattere indelebile, che fa parte della natura profonda di questa terra. Gli dèi non se ne sono mai andati dall’isola. Nelle campagne assolate nel cuore...

BACK TO COLONO. Fuggo, cerco e riparto! Saggio di fine Campus delle Arti 2022

14 luglio alle ore 19,00 ex Convento S. Francesco

Agòn, il 24 giugno al Teatro Greco di Siracusa “Processo ad Edipo: da eroe a imputato”

Per il Siracusa International Institute neanche Edipo, giovane re di Tebe, protagonista di una delle tragedie più belle di Sofocle, potrà sottrarsi alla consueta e seguitissima simulazione processuale, Agòn, al Teatro Greco di Siracusa. A giudicarlo, la sera del 24...
X