III Ciclo di Rappresentazioni Classiche

Effetti speciali a teatro

Le baccanti

Opera di | Euripide

Direzione artistica | Ettore Romagnoli

Traduzione | Ettore Romagnoli

Scena e costumi | Duilio Cambellotti

Musiche | Giuseppe Mulè

 

TRAMA

Il dio Dioniso, figlio di Zeus e di Semele, giunge in forma umana a Tebe, patria della madre, per punire, travolgendone le menti, le donne tebane che hanno dubitato della sua nascita divina. Solo il re Penteo è deciso ad opporsi alla follia ispirata dal dio. Il padre di Semele, Cadmo, e l’indovino Tiresia celebrano anch’essi la potenza di Dioniso. Quando le donne si recano sul monte Citerone per celebrare i misteri bacchici, Penteo si lascia convincere dal dio a seguirlo, travestito da donna, sul monte. La madre di Penteo, Agave, sorella di Semele, e le baccanti in preda al delirio dionisiaco lo scambiano per un leone e lo sbranano. Quando Agave torna alla coscienza, riconosce con orrore il capo del figlio in quella che credeva la testa del leone e portava come trofeo. La vendetta del dio è compiuta. A Cadmo che piange la morte di Penteo appare Dioniso: le sventure accadute derivano dal non aver onorato la sua potenza. Cadmo soffrirà ancora finché, mutato in drago, sposerà Armonia e troverà pace. Agave fugge lontano.

CAST

Dioniso | Annibale Ninchi

Tiresia | Fernando Testa

Cadmo | Guglielmo Barnabò

Penteo | Giulio Lacchinl