Home / La Stagione / 2014 / Le Vespe

Le Vespe

CALENDARIO-le-vespe-ita

Traduzione  e adattamento Alessandro Grilli

Regia Mauro Avogadro

Scene e costumi Arnaldo Pomodoro

Musiche Banda Osiris: Alessandro Berti, Gian luigi Carlone, Roberto Carlone, Giancarlo Macrì, Raffaele Kohler(musicista)

Movimenti Ivan Bicego Varengo

Regista assistente Lorenzo Fontana

Assistente scene e costumi Dialmo Ferrari

Progetto audio Vincenzo Quadarella

Progetto luci Elvio Amaniera

Costumista assistente e responsabile sartoria Marcella Salvo

Direttore di Scena Alessandro Sindona

Assistente alla regia Sebastiano Fazzina

Assistente volontario Carmelo Alù

Personaggi e interpreti

Sosia Sergio Mancinelli

Santia Enzo Curcurù

Vivacleone  Antonello Fassari

Abbassocleone Martino D’Amico

Coro Francesco Biscione, Giuseppe Bisogno, Massimo Cimaglia, Carlo Di Maio, Lorenzo Falletti,

Adriano Giammanco, Francesco Migliaccio, Andrea Romero, Marco Toloni, Carlo Vitiello

Figlio Alessandro Romano

Servo Cantante  Adonai Mamo

Cane di Cidatene Francesco Scaringi

Mirtia Doriana La Fauci

Accusatore – Asino di Vivacleone  Sebastiano Fazzina

Troiana Giulia Diomede

Convitate  Alice Bronzi, Elisa Golino

Accademia d’Arte del Dramma Antico Sezione Scuola di Teatro “Giusto Monaco”:
Figli dei Coreuti Giovanni Luca Ariemma, Corrado Drago, Dario Fini, Matteo Francomano

Servi  Salvatore Agli, Valerio Aulicino, Andrea Cannata, Riccardo Masi

Ladrete  Antonio Bandiera

Piatto  Laura Ingiulla

Grattugia Cristina Coniglio

Pentola  Alessia Ancona

Graticola Rossella Zagami

Cuccioli Carmelo Alù, Nicasio Catanese Ruggero, Vincenzo Paterna

Convitati Salvatore Agli, Valerio Aulicino, Alessia Ancona, Andrea Cannata, Cristina Coniglio, Laura Ingiulla, Emanuele Lopes(sezione senior), Giuseppe Calvo (sez. senior), Vladimir Randazzo, Rossella Zagami

Cherefonte Domenico Macrì

Testimone dell’accusatore Gianni Giuga

Figli di Canchero Dario Battaglia, Gianni Giuga, Domenico Macrì

Costumi Laboratorio di sartoria FONDAZIONE INDA ONLUS Siracusa

Scenografie Laboratorio di scenografia FONDAZIONE INDA ONLUS Siracusa

Trama

Il vecchio Filocleone ha la mania di partecipare ai processi come giudice popolare. Il figlio Bdelicleone, per evitare che il vecchio possa correre in tribunale e trascorrere lì tutto il giorno, ha  deciso di rinchiuderlo in casa. Filocleone, aiutato dai suoi compagni di tribunale, tenta invano la fuga. Il figlio tenta di convincerli che il grande potere che essi credono di esercitare è in realtà una mistificazione: i giudici popolari sono solo uno strumento nelle mani di chi esercita il potere.

La voglia di Filocleone di assistere a un processo è tale che Bdelicleone, per accontentarlo, inventa un grottesco giudizio in casa propria: l’imputato è un cane, reo di aver mangiato un pezzo di formaggio. Filocleone è propenso a condannarlo, ma il figlio con l’inganno lo induce a mettere il proprio voto nell’urna dell’assoluzione. Il cane viene così assolto e il vecchio, sconvolto dall’inaspettata conclusione del giudizio, decide finalmente di smetterla con i processi. Bdelicleone allora introduce  il padre alla vita mondana e a questo scopo lo conduce a un simposio, dove però il vecchio si comporta in modo inqualificabile, insultando i convitati e sottraendo loro un’avvenente flautista. Rischierebbe di scoppiare una rissa, ma tutto si aggiusta e alla fine i convitati escono di scena in corteo tra salti e piroette .