Sorry, this entry is only available in Italian. For the sake of viewer convenience, the content is shown below in the alternative language. You may click the link to switch the active language.

 

Il concerto dell’Orchestra da Camera del Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento ha aperto questa mattina a Palazzolo Acreide la XXV edizione del Festival internazionale del Teatro classico dei Giovani.

A inaugurare l’edizione 2019 della manifestazione nata nel 1991 da un’idea di Giusto Monaco, sono stati i saluti dei sindaci di Palazzolo Acreide, Salvatore Gallo, di Noto, Corrado Bonfanti e di Siracusa, Francesco Italia che ricopre anche il ruolo di presidente della Fondazione Inda. A rivolgere un saluto e un benvenuto a ragazzi che hanno gremito il Teatro di Akrai anche il sovrintendente della Fondazione Inda, Antonio Calbi, Maria Musumeci, dirigente del Polo regionale di Siracusa per i siti e i musei archeologici, il deputato nazionale Filippo Scerra e l’attrice Lucia Sardo.

Dopo il concerto dell’orchestra diretta dal maestro Giorgio Sasso, gli allievi del Drama studio Irini Evangelatou di Lepanto hanno messo in scena Elena; a chiudere il programma della mattina sono stati gli studenti dell’Istituto paritario Marsilio Vicino di Figline Valdarno con Le Supplici mentre nel pomeriggio gli allievi dell’Accademia d’Arte del Dramma Antico presenteranno Lisistrata, il saggio di fine corso che, con la regia di Massimo Di Michele, ha ottenuto un grandissimo successo in tutta Italia. L’ultimo spettacolo in programma nella prima giornata del Festival, curato in tutti gli aspetti organizzativi da Sebastiano Aglianò, vedrà in scena Casina con gli studenti dell’Istituto d’istruzione superiore di Palazzolo Acreide.

La scena del Festival, pensata dall’artista Tony Fanciullo, è un omaggio a Duilio Cambellotti e al manifesto realizzato nel 1924 per I Sette contro Tebe.

Il programma del Festival proseguirà oggi, dalle 9,30 con Helen di Euripide del Gymnasium of Vrontados, Lisistrata 2.0 dell’Istituto Magistrale Finocchiaro-Aprile di Palermo, Elena del Centro di promozione del teatro pedagogico di Sondrio, Antigone dell’Istituto comprensivo Costanzo di Siracusa e Le Rane dell’Istituto comprensivo Messina di Palazzolo Acreide.

Il Festival Internazionale del Teatro Classico dei Giovani, centrale nella missione e nel progetto della Fondazione Inda, è ormai diventato, grazie al proficuo cammino insieme all’amministrazione di Palazzolo Acreide, un appuntamento di grandissimo rilievo a livello internazionale e quest’anno vedrà esibirsi 2.500 studenti da tutta Italia e da Germania, Grecia, presente con ben sei istituti, Belgio con due scuole, Francia, Inghilterra e Tunisia. Saranno 23 i giorni di programmazione e 90 gli spettacoli in programma con 31 scuole siciliane, 45 provenienti dalle altre regioni italiane e 12 dall’estero.

 

(Nelle foto l’Orchestra da Camera del Conservatorio Statale di Musica “Nicola Sala” di Benevento diretta dal maestro Giorgio Sasso che ha inaugurato la XXV edizione del Festival e gli allievi del Drama studio Irini Evangelatou che con “Elena” hanno aperto il programma degli spettacoli a Palazzolo Acreide)